Castello di Buda

Il castello di Buda (ungherese: Budavári Palota) è lo storico castello e il complesso del palazzo dei re ungheresi a Budapest. Fu completato per la prima volta nel 1265, ma il massiccio palazzo barocco che oggi occupa la maggior parte del sito fu costruito tra il 1749 e il 1769.

Budapest, Szent György tér 2, 1014 Hungary

 Il complesso in passato era indicato come il Palazzo Reale (ungherese: Királyi-palota) o il Castello Reale ( Ungherese: Királyi Vár). Il castello ospita ora la Galleria nazionale ungherese e il Museo di storia di Budapest.

Il castello di Buda si trova sulla punta meridionale della collina del castello, circondato dall’area turistica conosciuta come Várnegyed (quartiere del castello), che è famosa per case, chiese, edifici pubblici e monumenti medievali, barocchi e neoclassici. La collina è collegata alla piazza Clark Ádám e al ponte delle catene di Széchenyi dalla funicolare Castle Hill. Il castello fa parte del sito del patrimonio mondiale di Budapest, così dichiarato nel 1987.

Storia del castello di Buda

La prima residenza reale sulla collina del castello fu costruita dal re Béla IV d’Ungheria tra il 1247 e il 1265. Non è chiaro se fosse situata sulla punta meridionale della collina o sull’altura settentrionale, vicino al Kammerhof.

La parte più antica dell’attuale palazzo fu costruita nel XIV secolo da Stefano, duca di Slavonia, che era il fratello minore del re Luigi I d’Ungheria. Rimangono solo le fondamenta del mastio del castello, che era noto come Stephen’s Tower (ungherese: István-torony). Il palazzo gotico di re Luigi I era disposto attorno a uno stretto cortile vicino al mastio.

Il re Sigismondo ingrandì significativamente il palazzo e rafforzò le sue fortificazioni. Sigismondo, in quanto imperatore del Sacro Romano Impero, aveva bisogno di una magnifica residenza reale per esprimere la sua importanza tra i sovrani d’Europa. Scelse il castello di Buda come residenza principale e durante il suo lungo regno divenne probabilmente il più grande palazzo gotico del tardo Medioevo. Buda era un importante centro artistico dello stile gotico internazionale.

La costruzione iniziò nel 1410 e fu in gran parte terminata nel 1420, anche se alcuni lavori minori continuarono fino alla morte del re nel 1437. Il palazzo fu menzionato per la prima volta nel 1437, sotto il nome di “fricz palotha”.

La parte più importante del palazzo di Sigismondo era l’ala settentrionale, nota come Palazzo Fresh (Hun: Friss-palota). All’ultimo piano c’era una grande sala chiamata Sala Romana (70 × 20 mo 230 × 66 piedi) con un soffitto in legno intagliato. Grandi finestre e balconi si affacciavano sulla città di Buda. La facciata del palazzo era decorata con statue, statue e stemmi. Di fronte si trovava la statua equestre in bronzo di Sigismondo, in seguito riparata dal re Mattia Corvino.

La parte meridionale della residenza reale era circondata da stretti zwingers. Due pareti parallele, le cosiddette “pareti della cortina”, scendono dal palazzo al fiume Danubio attraverso la ripida collina. La struttura più imponente, la Broken Tower (Hun: Csonka-torony), sul lato occidentale della cour d’honneur, rimase incompiuta. Il seminterrato della torre era adibito a prigione; gli ultimi piani erano probabilmente il tesoro dei gioielli reali.

L’ultima fase dell’attività di costruzione su larga scala ebbe luogo sotto il re Mattia Corvino. Durante i primi decenni del suo regno il re terminò i lavori sul palazzo gotico. La cappella reale, con la chiesa inferiore sopravvissuta, fu probabilmente costruita in quel momento.

Dopo il matrimonio di Mattia e Beatrice di Napoli nel 1476, umanisti, artisti e artigiani italiani arrivarono a Buda. La capitale ungherese divenne il primo centro del Rinascimento a nord delle Alpi. Il re ricostruì il palazzo in stile rinascimentale. Il cour d’honneur fu modernizzato e fu aggiunta una loggia italiana. All’interno del palazzo c’erano due stanze con soffitti dorati: la Bibliotheca Corviniana e un passaggio con gli affreschi dei dodici segni zodiacali. La facciata del palazzo era decorata con statue di Giovanni Hunyadi, László Hunyadi e Re Mattia. Nel mezzo della corte c’era una fontana con una statua di Pallade Atena.

Rimangono solo frammenti di questo palazzo rinascimentale: alcune balaustre in marmo rosso, architravi e piastrelle decorative smaltate da stufe e pavimenti.

Rimangono solo frammenti di questo palazzo rinascimentale: alcune balaustre in marmo rosso, architravi e piastrelle decorative smaltate da stufe e pavimenti.

Le fortificazioni medievali ricostruite e la Grande Rondella

Negli ultimi anni del suo regno, Mattia Corvino iniziò la costruzione di un nuovo palazzo rinascimentale sul lato orientale del cortile di Sigismondo, vicino al Palazzo Fresh. Il palazzo di Mattia rimase incompiuto a causa della morte prematura del re. Il palazzo aveva una monumentale scalinata di marmo rosso davanti alla facciata. Matthias Corvinus era di solito identificato con Ercole dagli umanisti della sua corte; le porte di bronzo erano decorate con pannelli raffiguranti le opere di Ercole, e una grande statua in bronzo dell’eroe greco accolse gli ospiti nel piazzale del complesso del palazzo, dove si tenevano le giostre.

I giardini murati del palazzo erano disposti sulle pendici occidentali della collina del castello. Nel mezzo del recinto, una villa rinascimentale fu costruita da Mattia. Solo una colonna sopravvive di questa cosiddetta Aula Marmorea.

Dopo la morte di Matthias Corvinus, il suo successore, il re Vladislaus II, portò avanti le opere di Matthias Palace, soprattutto dopo il suo matrimonio con Anna di Foix-Candale nel 1502.

Sotto il regno di re Giovanni Zápolya (l’ultimo sovrano nazionale dell’Ungheria) il palazzo fu riparato. Sulla punta meridionale della collina del castello, la Grande Rondella fu costruita da ingegneri militari italiani. Il bastione circolare è una delle principali strutture sopravvissute del vecchio palazzo.

Era Ottomana

Dopo la battaglia di Mohács, il regno medievale di Ungheria è crollato. I turchi ottomani occuparono la città evacuata l’11 settembre 1526. Sebbene Buda fu saccheggiata e bruciata, il Palazzo Reale non fu danneggiato. Sultan Suleiman il Magnifico portò via tutte le statue di bronzo (gli Hunyadi, Pallade Atena ed Ercole) con lui a Costantinopoli. Le statue furono distrutte lì in una ribellione alcuni anni dopo. Il Sultano prese anche molti volumi dalla biblioteca di Corvina.

Nel 1529 l’esercito ottomano assediò e occupò di nuovo Buda, e il palazzo fu gravemente danneggiato. Il 29 agosto 1541 Buda fu nuovamente occupata dagli ottomani, senza alcuna resistenza. Buda divenne parte dell’Impero ottomano e la sede dell’Eyalet di Budin. La popolazione originale tedesca e ungherese lasciò la città, arrivarono al loro posto immigranti dall’Impero ottomano e dalla penisola balcanica.

Sebbene gli scrittori di viaggi turchi abbiano scritto con entusiasmo sulla bellezza del palazzo dei re ungheresi, il nuovo governo ottomano ha lasciato decadere il palazzo. Fu parzialmente utilizzato come caserma come deposito e stalle, e altrimenti rimase vuoto.

Il palazzo fu chiamato Iç Kala (“Castello Interno”) e Hisar Peçe (“Cittadella”) dai Turchi. Il nome del cour d’honneur era “Seray meydani”. Il soprannome preferito del complesso era “Palazzo delle mele d’oro”.

Il declino economico di Buda la capitale durante la conquista ottomana caratterizzata dalla stagnazione della popolazione, la popolazione di Buda non fu più grande nel 1686, rispetto alla popolazione della città due secoli prima nel 15 ° secolo. Gli ottomani permisero che il luogo reale ungherese cadesse in rovina. Il palazzo ammortizzato fu successivamente trasformato in un deposito di polvere da sparo e una rivista dagli ottomani, che causò la sua detonazione durante l’assedio del 1686. La popolazione ungherese cristiana originaria non si sentì sicura durante la conquista ottomana, il loro numero si ridusse significativamente nel i prossimi decenni, a causa della loro fuga negli Asburgo, regnarono nella Reale Ungheria. La percentuale della popolazione che era composta da ebrei e famiglie zingare aumentò durante il dominio ottomano a Buda.

Nell’era tra il 1541 e il 1686, gli Asburgo tentarono di riconquistare Buda diverse volte. Gli assedi falliti nel 1542, 1598, 1603 e 1684 causarono gravi danni. Le autorità ottomane ripararono solo le fortificazioni. Secondo fonti del 17 ° secolo, molti edifici dell’ex Palazzo Reale erano senza tetto e le loro volte sono crollate. Tuttavia il palazzo medievale sopravvisse per lo più fino al grande assedio del 1686.

Distruzione del castello medioevale

Il palazzo medievale fu distrutto nel grande assedio del 1686 quando Buda fu catturata dalle forze cristiane alleate.

Nel 1686, due anni dopo il fallito assedio di Buda, fu avviata una rinnovata campagna cristiana dell’Europa occidentale per conquistare la città. Questa volta l’esercito della Holy League era molto più grande, composto da 65.000–100.000 uomini, tra cui soldati tedeschi, ungheresi, croati, olandesi, inglesi, spagnoli, cechi, italiani, francesi, borgognoni, danesi e svedesi e altri europei come volontari, artiglieri e ufficiali. I difensori turchi erano composti da 7000 uomini.

In un pesante bombardamento di artiglieria, molti edifici furono bruciati e crollati. La Stephen’s Tower, utilizzata come deposito di polvere da sparo dagli ottomani, esplose quando fu colpita da un singolo cannone, che si dice fosse stata licenziata da un frate chiamato Gábor, chiamato anche Tüzes Gábor (“Gabriel Fiery”). Secondo fonti contemporanee, l’esplosione ha ucciso ben 1.500 soldati turchi e ha provocato un’ondata sul Danubio che ha spazzato via le batterie e le guardie di artiglieria sulla riva opposta.

Gli ingegneri militari asburgici fecero diversi piani e disegni degli edifici nei decenni successivi. Sebbene le pareti siano sopravvissute principalmente, il guscio bruciato è rapidamente decaduto per mancanza di manutenzione. Tra il 1702 e il 1715, la Torre di Stefano scomparve completamente e il palazzo fu irreparabile. Nel 1715, il re Carlo III ordinò la demolizione delle rovine. Johann Hölbling ha esaminato le strutture ancora esistenti. Il re ordinò che le statue di marmo sopravvissute, le antichità, le iscrizioni e le monete dovessero essere risparmiate (non ci sono prove sulla realizzazione del decreto reale). La parte principale del palazzo e la Torre spezzata furono completamente demolite, le cavità e i fossati furono riempiti e fu istituita una nuova terrazza piatta. Le fortificazioni, le zwingers e le stanze del sud furono sepolte sotto tonnellate di immondizia e terra.

Periodo Barocco

Nel 1715 fu costruito un piccolo palazzo barocco secondo i piani di Johann Hölbling. Era un semplice edificio rettangolare, con una corte interna e un’ala laterale più corta, che fu successivamente demolita. Il palazzo Hölbling è identico al nucleo dell’attuale palazzo, dove ora si trova la corte barocca del Museo storico di Budapest.

L’interno del palazzo rimase incompiuto quando i lavori si fermarono nel 1719. L’Hofkriegsrat commissionò a Fortunato di Prati di fare diversi piani per il palazzo, ma la mancanza di denaro ne ostacolò l’attuazione.

Nel 1723 il palazzo fu accidentalmente incendiato e le finestre furono murate per impedire un ulteriore deterioramento. Numerosi disegni degli anni 1730 e 1740 mostrano il guscio in decomposizione incompiuto della semplice capanna a due piani. Alcune incisioni mostrano una versione finita idealizzata che non è mai esistita. Intorno al 1730 il tetto fu riparato.

Durante il periodo di Maria Teresa

Nel 1748 il conte Antal Grassalkovich, presidente della Camera ungherese, fece appello al pubblico affinché finisse il palazzo abbandonato con un abbonamento pubblico. Il palatino János Pálffy ha invitato le contee e le città a concedere sovvenzioni per il progetto. Il momento è stato favorevole perché le relazioni tra la nobiltà ungherese e gli Asburgo erano eccezionalmente buone. Gli ungheresi sostennero la regina Maria Teresa nel disperato bisogno della guerra di successione austriaca. La regina ne fu grata e il nuovo Palazzo Reale divenne il simbolo della pace e dell’amicizia tra la dinastia e la nazione.

I piani dello splendido palazzo barocco a forma di U con corte d’onore furono disegnati da Jean Nicolas Jadot, capo architetto della corte viennese. Dopo il 1753 i piani furono modificati dal suo successore, Nicolaus Pacassi. Ignác Oraschek, capomastro, che ha guidato i lavori e modificato i piani secondo le proprie idee. La prima pietra del palazzo fu posta il 13 maggio 1749, che era il compleanno della regina. I lavori proseguirono a un buon ritmo fino al 1758, quando le difficoltà finanziarie causarono una pausa di sette anni. A quel tempo solo gli interni erano rimasti incompiuti.

Secondo i documenti storici sopravvissuti, la struttura del palazzo seguì i piani firmati di Jadot del 1749. Le facciate, alcuni elementi interni e la Cappella di San Sigismondo sono opere di Nicolò Pacassi, mentre le speciali doppie false cupole furono probabilmente progettate da Oraschek, precedentemente il capomastro del conte Grassalkovich. Le doppie cupole false erano caratteristiche tipiche dei cosiddetti castelli barocchi di tipo Grassalkovich come Gödöllő. Tuttavia, questa funzione è stata successivamente rimossa dal palazzo.

Nel 1764 la regina visitò il palazzo e assegnò 20.000 talleri all’anno per i lavori, che ripresero nel 1765 secondo i piani di Franz Anton Hillebrandt. Hillebrand modificò la facciata della corte d’onore dell’ala centrale in stile rococò. Nel 1769 fu consacrata la Cappella di San Sigismondo e il palazzo fu terminato lo stesso anno. Secondo la dichiarazione aggregata di Grassalkovich, i costi erano 402.679 fiorini.

Monache e studiose

Il futuro del complesso era incerto; la regina non aveva intenzione di usarla come residenza reale, perché non trascorse molto tempo a Buda. Nel 1769 diede un’ala alle suore di Loreto, che venivano da Sankt Pölten. L’edificio fu consegnato il 13 maggio 1770, ma le eleganti sale barocche erano considerate inadatte per un convento. Alexander Keglevich, rettore dell’Università Eötvös Loránd, aveva fornito finanziamenti a Maria Teresa, che presumibilmente avrebbe dovuto essere rimborsata, secondo le sue lettere ai suoi figli e amici.  Nel 1777 la regina decise che l’Università di Nagyszombat si sarebbe trasferita a Buda.

Le suore si trasferirono e il palazzo fu adattato in fretta per l’uso come università. Il lavoro è stato guidato da Farkas Kempelen e ha portato alla costruzione di aule, gabinetti degli insegnanti, musei, una biblioteca e una stampa universitaria. Nella parte anteriore, la falsa cupola fu rimossa e fu eretta una torre dell’osservatorio di quattro piani, progettata da Alfred Hillebrandt o Karl Georg Zillack.

Nel 1778 Hillebrandt costruì una nuova cappella per il primo re d’Ungheria, Santo Stefano, la mano destra mummificata, che fu recuperata dalla regina Maria Teresa dalla Repubblica di Ragusa nel 1771. La Cappella della Santa Destra era situata vicino alla Cappella di San Sigismondo, nel mezzo di una corte interna. La forma esterna era ottagonale e l’interno era ovale, incoronato da una cupola. La pala d’altare è stata dipinta da Joseph Hauzinger.

La cerimonia del taglio del nastro dell’università si tenne il 25 giugno 1780, il 40 ° anniversario dell’incoronazione della regina. La sala del trono divenne una splendida aula decorata con affreschi raffiguranti le quattro facoltà. Nel 1953 furono scoperti due affreschi di grisaglia sui lati più corti della stanza.

Residenza dei Palatini

I problemi funzionali dell’università rimasero irrisolti, il che portò a trasferire le facoltà a Pest nel 1783. Nel 1791 il palazzo divenne la residenza del nuovo palatino asburgico del Regno di Ungheria, l’arciduca Alessandro Leopoldo d’Austria. Dopo la morte prematura dei palatini nel 1795, successe suo fratello minore, l’arciduca Giuseppe, seguito dall’arciduca Stefano. La corte sontuosa nel Castello di Buda era il centro della vita alla moda e dell’alta società nella capitale ungherese.

Nel 1810 il palazzo palatino fu danneggiato da un incendio, ma nei decenni successivi furono fatti piani per innalzare l’edificio con un piano superiore, ma non furono implementati, sebbene la torre dell’osservatorio, che ostacolò i lavori, fu rimossa. Nel 1838 la cripta della cappella di San Sigismondo fu ricostruita secondo i piani di Franz Hüppmann: la cripta palatina fu il luogo di sepoltura di Palatino Giuseppe e della sua famiglia. La cripta è l’unica parte del palazzo sopravvissuta alla seconda guerra mondiale.

Il Palatino Joseph stabilì dei giardini sulle colline meridionali e orientali della collina del castello secondo i piani di Antal Tost. I giardini del Castello di Buda erano tra i più famosi giardini paesaggistici in stile inglese in Ungheria.

Il Palatino Stefano lasciò il palazzo il 23 settembre 1848 quando divenne inevitabile una pausa tra il governo ungherese liberale e la dinastia.

Il 5 gennaio Buda fu occupata dall’esercito austriaco guidato da Alfredo I, Principe di Windisch-Grätz. Il comandante principale alloggiò nel palazzo reale.

Il 4 maggio 1849, l’esercito ungherese, guidato da Artúr Görgey, assediò il castello di Buda, che era difeso dal generale Heinrich Hentzi. Il 20 maggio gli ungheresi hanno catturato Buda con un assalto. Il palazzo fu l’ultima roccaforte delle truppe austriache e divenne un sito di pesanti combattimenti di artiglieria. Il fuoco che seguì consumò le ali centrali e meridionali; furono completamente bruciati e i loro interni furono distrutti.

Era di Franz Joseph

Il palazzo fu ricostruito tra il 1850 e il 1856 da Josef Weiss e Carl Neuwirth. L’ala centrale a 13 assi era sollevata con un terzo piano e una mansarda a torre. Il risalit centrale era decorato con un balcone di sei colossali colonne. Con questi cambiamenti, l’ex palazzo barocco viennese di Maria Teresa divenne considerato un edificio barocco neoclassico più austero.

La sala da ballo è stata ridecorata con marmi e stucchi. Dopo il 1853 le maestose camere furono progettate in stile rococò francese, con stucchi in oro bianco e mobili dell’Hofburg. Il palazzo era già troppo piccolo per le esigenze della corte reale, quindi le cucine e le sale di servizio erano ospitate nella vicina Zeughaus. Il palazzo era collegato allo Zeughaus da un passaggio vetrato.

Sul lato occidentale della corte d’onore furono eretti due edifici più piccoli, usando i piani di Weiss e Neuwirth nel 1854. Lo Stöckl a due piani ospitava gli appartamenti degli arciduchi e dei funzionari imperiali, mentre il Wachlokal fu costruito per le guardie reali.

L’imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria visitò il Castello di Buda nel 1856 e nel 1857. Dopo il compromesso austro-ungarico del 1867, Francesco Giuseppe fu incoronato re d’Ungheria. Il palazzo ebbe un ruolo importante nella sontuosa cerimonia ed era un simbolo di pace tra la dinastia e la nazione.

Negli ultimi decenni del XIX secolo, Budapest conobbe un rapido sviluppo economico. Ambiziosi progetti di pianificazione urbana sono stati realizzati per esprimere la crescente ricchezza e lo status più elevato della capitale ungherese, con particolare attenzione alla ricostruzione del Castello di Buda. Il governo ungherese autonomo intendeva creare un palazzo reale per abbinare qualsiasi residenza reale europea famosa (in particolare il loro vecchio rivale, Hofburg di Vienna). La ricostruzione durò quaranta anni, tra il 1875 e il 1912, e causò ampi cambiamenti nella topografia dell’intera area.

In primo luogo il Várkert-bazár (padiglione del giardino reale) fu costruito sull’argine del Danubio, ai piedi della collina del castello, tra il 1875 e il 1882. Questa porta neorinascimentale fu progettata da un architetto ungherese di nome Miklós Ybl. La struttura era un portico aperto, con padiglioni, scale e rampe e due caseggiati. Ybl costruì anche una nuova stazione di pompaggio per l’acquedotto, chiamata Várkert-kioszk (Chiosco del giardino reale) e due torri di scale contro le mura medievali della cortina. La torre della scala meridionale seguiva lo stile rinascimentale francese, ricordando un piccolo castello a torretta, mentre la torre della scala settentrionale era simile a un mastio gotico in mattoni (una torre principale fortificata di un castello, chiamata anche fortezza). Al momento sopravvivono solo Várkert-bazár e Várkert-kioszk.

Nel 1882 il primo ministro Kálmán Tisza accusò Ybl di aver elaborato un piano generale per la ricostruzione del palazzo. Nel suo piano del 1885, Ybl conservò il vecchio palazzo barocco, ma lo specchiò sul lato occidentale della corte d’onore, che raddoppiò le dimensioni della residenza. Progettò anche una nuova carreggiata sul fianco occidentale della collina, demolendo le mura e le torri medievali della terrazza Újvilág-kert. La ristrettezza dell’altopiano naturale della Collina del Castello significava che non c’era abbastanza spazio per la nuova ala Krisztinaváros, che Ybl risolse erigendo una sottostruttura fino ai piedi della collina. La monumentale facciata occidentale si trova su questa sottostruttura senza finestre a tre piani. L’intero blocco copriva quasi l’intera collina, ma la facciata principale sulla corte d’onore aveva la stessa modesta altezza del palazzo barocco. La facciata era rivestita con lastre di pietra, mentre le parti antiche sono stuccate; quindi, la differenza tra le ali originali barocche e neo-rinascimentali è evidente. L’ex cour d’honneur precedentemente aperto divenne una corte chiusa con una porta ad arco, sorvegliata dai quattro leoni dello scultore, János Fadrusz. Il tribunale si chiama Lions Court (o Oroszlános udvar).

I lavori iniziarono il 1 ° maggio 1890, ma Ybl morì il 22 gennaio 1891. Il suo successore, Alajos Hauszmann, modificò leggermente i piani dell’ala Krisztinaváros. Nel 1896 l’edificio raggiunse il livello della corte e il re Francesco Giuseppe depose cerimoniosamente la prima pietra del palazzo, che fu presto completata.

Nel 1893, il 25 ° anniversario dell’incoronazione del re Francesco Giuseppe fu celebrato nel Palazzo Reale. Tuttavia, la vecchia sala per banchetti si rivelò troppo piccola, quindi Hauszmann allargò la stanza abbattendo e ricostruendo il muro verso la cour d’honneur (che aveva anche la facciata di Hillebrandt).

Nonostante questa espansione e la nuova ala di Ybl, il palazzo era ancora ritenuto insufficiente per le grandi celebrazioni reali, quindi iniziò un altro ciclo di costruzione. L’ala nord, situata sul sito del vecchio Zeughaus, è stata completamente progettata da Hauszmann. L’architetto raddoppiò il palazzo barocco sul lato del Danubio, imitando generalmente il suo stile architettonico tradizionale. Nel punto d’incontro tra le vecchie e le nuove ali, fu eretto un portico colonnato, con un timpano riccamente decorato (con statue allegoriche di Károly Sennyey) e una rampa di scale chiamata Scala degli Asburgo. L’intero palazzo fu incoronato da una cupola con una copia della corona di Santo Stefano al suo apice. La cupola, come altri dettagli dell’ala nord, mostra influenze tedesche del Jugendstil, così come la facciata posteriore verso il piazzale occidentale. Questo piazzale contiene anche la Fontana di Mattia (ungherese: Mátyás kútja) dello scultore Alajos Stróbl. Sopra la porta principale, verso Szent György tér, c’era una statua della dea Hungaria. Questo lato era la facciata principale del complesso, ma era molto più corto e meno caratteristico della lunga facciata del Danubio. La vecchia Cappella di Santa Destra fu demolita per fare spazio a una carreggiata.

Hauszmann progettò una nuova scuola di equitazione nell’ex terrazza Újvilág, che ora era chiamata la corte di Csikós, dopo la statua di György Vastagh (ora nel cortile occidentale) di Csikós. Di fronte alla lunga facciata del Danubio, fu eretta una statua equestre in onore del principe Eugenio di Savoia, il leader vittorioso dell’esercito asburgico nella battaglia di Zenta. Il cortile esterno era chiuso da una sontuosa ringhiera in ferro battuto, che terminava in un pilastro incoronato da una statua del leggendario Turul, l’uccello sacro dei Magiari, che spiegava le sue ali sopra Budapest. Due rampe di scale conducevano a Szent György tér, che si trovava su un terreno molto più alto.

Nel piazzale occidentale, Hauszmann progettò una nuova guardia neo-barocca e ricostruì le antiche scuderie reali. I giardini reali sulla collina meridionale erano famosi per le loro preziose piante, le case di vetro e le pittoresche terrazze. Nel mezzo dei giardini sorgeva la casa svizzera della regina Elisabetta, arredata con oggetti di arte popolare ungherese. La casa fu costruita sopra le rovine della portineria medievale, parzialmente sfruttandole.

L’interno del palazzo è stato decorato e arredato esclusivamente con opere dei principali artisti ungheresi dell’epoca. Il Palazzo Reale fu inaugurato ufficialmente nel 1912. I critici contemporanei lo elogiarono come l’edificio ungherese più eccezionale della fine del XX secolo.

Anni interbellici e seconda guerra mondiale

Il palazzo Hauszmann esisteva da circa tre decenni: il 30 dicembre 1916 l’edificio partecipò alla cerimonia di incoronazione dell’ultimo re ungherese, Carlo IV d’Ungheria. Dopo la rivoluzione del 1918 e la rimozione della dinastia degli Asburgo, il Palazzo Reale divenne la sede del nuovo reggente del Regno di Ungheria, Miklós Horthy. Horthy visse nell’ala Krisztinaváros con la sua famiglia tra gli anni 1920 e 1944. In questa era il palazzo fu il centro della vita politica e sociale ungherese. Tra gli ospiti illustri intrattenuti da Horthy nel palazzo vi furono il re Vittorio Emanuele III d’Italia nel 1937 e il cardinale Eugenio Pacelli (in seguito Papa Pio XII) nel 1938.

Il 16 ottobre 1944 un’unità di comando tedesca nazista, guidata da Otto Skorzeny, occupò il Palazzo Reale e costrinse il reggente ad abdicare. Il castello di Buda fu l’ultima grande roccaforte di Budapest detenuta dalle forze dell’Asse durante l’assedio di Budapest tra il 29 dicembre 1944 e il 13 febbraio 1945. Le forze tedesche e ungheresi che difendevano il castello tentarono di rompere il blocco sovietico l’11 febbraio 1945, ma fallirono. Presumibilmente, l’Armata Rossa Sovietica sapeva dei loro piani e aveva puntato armi pesanti sulle possibili vie di fuga ore prima. Questo è considerato uno dei maggiori disastri della storia militare ungherese.

Combattimenti pesanti e fuoco di artiglieria trasformarono il palazzo in rovina. I mobili svanirono, i tetti e le volte crollarono e le ali meridionali e occidentali furono bruciate. La distruzione fu paragonabile a quella del grande assedio del 1686.

Ricostruzione

Immediatamente dopo la guerra, furono iniziate le ricerche archeologiche per scoprire i resti del castello medievale. La ricerca, condotta da László Gerő (1946–1966) e László Zolnay (1967–1979), fu probabilmente il più grande scavo di castelli in Europa. Le antiche scale, i padiglioni e le case di vetro dei Royal Gardens, risalenti alla fine del XX secolo, dovevano essere sacrificate. Parti importanti dell’ex Sigismondo e del Palazzo di Mattia erano sopravvissute sotto il fitto riempimento di terra.

Il primo piano di ricostruzione dei resti medievali fu scritto da László Gerő nel 1950 e ultimato nel 1952. I lavori di ricostruzione furono terminati nel 1966. Contrariamente ai principi generalmente accettati della ricostruzione storica, il sistema di fortificazione medievale fu ricostruito nella sua interezza. Elementi importanti come la Grande Rondella del XVI secolo e la Porta medievale, la Torre del Mace, le mura e gli zwingers furono ricostruiti secondo i risultati della ricerca archeologica e delle prove pittoriche contemporanee. È stata anche ricostruita l’ala meridionale del palazzo gotico, insieme alla sala gotica a volta e alla chiesa inferiore dell’ex cappella reale. I giardini in stile medievale furono piantati negli zwingers. Le fondamenta della Stephen’s Tower furono scoperte, ma poiché mancavano prove archeologiche, la torre non fu ricostruita. I resti della Torre spezzata furono nuovamente coperti.

La ricostruzione su larga scala delle fortificazioni medievali ha sostanzialmente cambiato il paesaggio urbano di Budapest. All’epoca era considerato un progetto di grande successo, che conciliava l’autenticità storica con le esigenze di pianificazione urbana.

Negli anni ’70, la ricerca archeologica continuò sul lato nord e ovest del palazzo, guidata da László Zolnay. Ha prodotto molti importanti risultati, tra cui le statue del tardo gotico Buda Castle. La torre Karakash Pasha, nel giardino di Újvilág, era una torre di epoca turca demolita alla fine del XIX secolo. Le prove fotografiche hanno consentito la sua ricostruzione, ma la nuova torre era solo una copia dell’originale e i dettagli non sono considerati autentici.

Modernizzazione

Il governo prese una decisione sulla ricostruzione solo nel 1948. Secondo le foto contemporanee, tutti gli interni importanti erano in uno stato danneggiato, ma la loro ricostruzione era tecnicamente possibile. Il nuovo governo comunista ungherese considerava il Palazzo Reale un simbolo del precedente regime. Pertanto, i leader ungheresi hanno scelto di modernizzare completamente l’interno e l’esterno del palazzo. Le tendenze architettoniche hanno avuto un ruolo nella decisione, in quanto gli architetti modernisti avevano condannato lo stile di Hauszmann come “troppo ornato”.

Il primo piano di ricostruzione modernista fu realizzato dall’architetto István Janáky nel 1950. Il suo controverso concetto fu successivamente modificato. Nel 1952 il governo ungherese chiese aiuto alla Polonia, perché avevano ricostruito con successo Varsavia e, in effetti, altre città. Una delegazione di esperti polacchi, guidata dallo storico dell’architettura Jan Zachwatowicz, ha proposto la ricostruzione del palazzo Hauszmann.

Durante gli anni ’50 il palazzo fu sventrato e tutti gli interni rimanenti, comprese le stanze e le sale intatte, furono distrutti. Importanti dettagli esterni, come l’ingresso principale, la scalinata degli Asburgo, la cupola, le scuderie reali, il corpo di guardia e il maneggio furono demoliti e le restanti facciate furono semplificate. A Lions Court sono state demolite le porte decorate di King’s Stairs e Diplomat’s Stairs. La porta della chiesa del castello scomparve, così come la cappella. I dettagliati tetti neobarocco furono semplificati e vennero installate nuove finestre semplici. Il gruppo di sculture allegoriche del timpano fu distrutto.

Allo stesso tempo, tuttavia, elementi medievali scoperti furono ricostruiti in quello che si pensava fosse il loro aspetto. Non esistevano disegni precisi degli elementi medievali, quindi fu fatta una ricostruzione approssimativa del loro aspetto.

La cupola modernista fu progettata da Lajos Hidasi nel 1961 secondo i modelli barocchi italiani. Il palazzo fu ricostruito nel 1966, ma gli spazi interni erano pronti solo negli anni ’80. Il castello di Buda divenne un centro culturale, sede di tre musei e della Biblioteca nazionale Széchényi.

XXI Secolo

Nel marzo 2006 l’Ufficio nazionale per i beni culturali ha completato il piano di sviluppo a lungo termine del Castello di Buda. Affermando che la modernizzazione nel 1952-1966 causò danni irreversibili, proposero la parziale ricostruzione delle facciate, tra cui la cupola e la scalinata degli Asburgo.  Non è stata presa alcuna decisione in merito alla realizzazione del piano di sviluppo.

Il 25 luglio 2007 il primo ministro Ferenc Gyurcsány ha scelto la cantina medievale del re nel castello di Buda come luogo per annunciare l’elenco dei “più importanti progetti di lavori pubblici”, che è stato finanziato dai fondi dell’Unione europea tra il 2007 e il 2013.

Nel 2008 un consorzio internazionale ha iniziato a costruire un garage sotterraneo per 700 auto sotto l’ex tribunale di Csikós. Allo sviluppatore fu concesso il permesso di demolire una sezione di 4,5 metri delle mura del castello del XV secolo. La demolizione fu effettuata nonostante le critiche degli archeologi e del pubblico. L’area era stata precedentemente scavata dagli archeologi, che hanno scoperto molti importanti reperti, tra cui giocattoli per bambini medievali e un dente dal leopardo domestico del re Mattia Corvino. Inoltre, l’area al di fuori delle mura interne fu utilizzata come discarica nei secoli XV-XVII.Tuttavia, le difficoltà finanziarie hanno interrotto la costruzione del garage nel 2009; i lavori sono ripresi per un breve periodo nel novembre 2011, ma si sono fermati di nuovo dopo il completamento della lastra di cemento del seminterrato. Il governo ha concesso 1,3 miliardi di fiorini per il completamento del progetto nel 2015 dopo che il garage semi-costruito è stato acquistato dallo stato.  Il cortile del castello è stato utilizzato anche come ambientazione per il video musicale di Katy Perry del 2010, “Firework”, parte del suo album Teenage Dream.

Ala medievale

Nel 1958-1962, l’architetto László Gerő ricrea in parte le facciate del castello gotico di fronte alle strette corti meridionali, occidentali e orientali. Sono stati ricostruiti solo il piano terra e il primo piano; il castello era originariamente molto più alto. La facciata incompiuta si ferma a livello della terrazza barocca sopra, con due finestre che si aprono sulla corte meridionale e altre due che si aprono sulla corte orientale. Le quattro finestre quasi identiche sono costruzioni quadrate in pietra a quattro pannelli di pregevole fattura gotica, con cornici esterne decorate da piccole colonne. Una finestra, che era stata murata, fu scoperta in situ durante la ricerca archeologica, e le altre furono ricostruite da frammenti dallo scultore Ernő Szakál per mezzo di anastilosi. Le aperture al piano terra sono più semplici. Una porta ad arco in pietra dà accesso alla corte meridionale dalla cantina sotto la sala gotica.

La facciata era originariamente intonacata. La superficie imbiancata era decorata con un motivo dipinto in una tonalità arrugginita, simile a un bugnato. Frammenti di decorazioni geometriche dipinte, una caratteristica comune degli edifici medievali di Buda, furono scoperti sulla facciata orientale, ma non fu restaurato.

Una torre del balcone gotico sporge dal muro alla fine della facciata est. La sua ricostruzione è stata un argomento molto dibattuto, perché la torre del balcone supera il livello della terrazza barocca, disturbando l’armonioso panorama del palazzo. D’altra parte, indica chiaramente che ci sono piani più alti e mancanti.

La torre del balcone è una struttura a due piani in piedi su un ampio seminterrato in pietra. Il primo piano è un solido muro di pietra senza aperture e la nicchia dietro appartiene alla sala gotica. Il secondo piano ha un balcone con tre finestre; ora è chiuso da una parete di vetro. In origine avrebbe fatto parte di un’importante sala cerimoniale. Il balcone ha la forma di mezzo ottagono. Le tre finestre gotiche a doppia lancetta sono considerate gli elementi architettonici più importanti della torre e dei profili; cornici e montanti sono stati restaurati in una forma semplificata, utilizzando molte delle pietre originali. La torre è coperta da un tetto piano in metallo.

La Sala Gotica è collegata al Castello di Stefano (István vár) sul lato occidentale. Prende il nome dal principe Stefano, duca di Slavonia, fratello minore del re Luigi I d’Ungheria. Costruito tra il 1340 e il 1370, è la parte più antica del palazzo reale medievale. Sopravvivono solo la fondazione e tre sale a volta a botte interconnesse.

Stephen’s Tower (István torony) era il mastio del castello di Stephen. Tuttavia, fu distrutta da un’esplosione nel 1686. Le pareti del piano terra furono scoperte poco dopo il 1946. Era un edificio quadrato (11,7 × 11,1 m), costruito sulla superficie rocciosa di Castle Hill. Le pareti sono spesse da 2,31 a 2,7 m con strette frecce sui lati meridionale, occidentale e settentrionale. La porta originale, sul lato orientale, fu murata dopo che la Sala Gotica fu costruita nel 15 ° secolo.

La Stephen’s Tower era in origine una struttura autoportante, situata in modo diverso rispetto agli edifici successivi. Il triangolo antistante era murato per creare una facciata sud continua per il palazzo. Durante la ricostruzione del dopoguerra, questa parte della facciata (con una porta di pietra rotta) non fu ricostruita. Una stanza a volta (6,2 × 6,3 m) al piano terra era ancora intatta nel 1820, secondo un disegno contemporaneo. Sebbene costole, mensole e pietre chiave siano state scoperte durante la ricerca archeologica, la stanza non è stata ricostruita. Una scala a chiocciola aveva collegato la stanza con i piani superiori mancanti.

La parte restante del Stephen’s Castle (con le camere a volta a botte dietro) ha una semplice facciata in pietra con una porta gotica. L’arco appuntito fu in seguito restaurato.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Ottobre 8, 2019

    […]  Fu inaugurato nel 1849. È ancorato sul lato del fiume Pest a Széchenyi Square, adiacente al Palazzo Gresham e all’Accademia delle Scienze ungherese, e sul lato Buda a Adam Clark Square, vicino al chilometro zero Pietra e l’estremità inferiore della funicolare Castle Hill, che porta al Castello di Buda. […]