Cattedrale di Las Palmas

La Cattedrale di Las Palmas de Gran Canaria è una chiesa cattolica romana situata a Las Palmas, Isole Canarie. La cattedrale è la sede della diocesi delle Canarie. È situato nel quartiere di Vegueta, vicino alla Plaza Mayor di Santa Ana. La festa della dedicazione della cattedrale viene celebrata ogni anno il 26 novembre. La struttura è considerata il monumento più importante dell’architettura religiosa delle Canarie.

L’attuale chiesa fu iniziata nel 1500, nell’episcopato di p. Diego de Muros (m. 1524), decano di Santiago. Era il terzo vescovo di Las Palmas. L’architetto era Don Diego Montaude. Il disegno gli è accreditato, anche se gli successe Juan de Palacio. La struttura fu terminata e furono celebrati i primi uffici, alla vigilia del Corpus Domini, nel 1570, al tempo del quattordicesimo vescovo, p. Juan de Alzolares. Il diciottesimo secolo vide la ricostruzione e il rinnovamento della cattedrale dopo che il vescovo, controllando un grande surplus della decima, decise di iniziare i lavori, supervisionato dal decano D. Geronimo Roos. L’architetto della cattedrale esistente era Don Diego Nicolas Eduardo. I piani di Eduardo furono presentati all’Accademia di San Ferdinando di Madrid, che mantenne i disegni originali e restituì copie per l’inizio dell’opera stessa. [8]

La Cattedrale di Las Palmas fu l’unica cattedrale delle Isole Canarie fino al 1819, [9] quando fu fondata la diocesi cattolica romana di San Cristóbal de La Laguna con sede nella Cattedrale di La Laguna, con giurisdizione per le isole della provincia di Santa Cruz de Tenerife.

La cattedrale è stata progettata in stile architettonico a punta gotica. L’attuale struttura è composta da una navata con doppie navate, pseudo-transetti con navate orientali e un santuario. La navata e le navate laterali sono di quattro baie a ovest della croce. Le navate principali sono portate alla stessa altezza della navata. Le navate secondarie sono basse e utilizzate per le cappelle. Il muro tra le due navate porta un clerestory. I moli sono lavorati a imitazione delle palme. Su una base quadrata audace, 5 piedi quadrati (0,46 m2), è imposto un ottagono. Sull’ottagono, c’è un cerchio di modanature classicizzanti profondamente tagliate da cui si alzano colonne circolari in pianta. Queste colonne sono finemente modellate; quattro audaci rotoli circolari ai lati cardinali; tra ciascuno ci sono tre membri scanalati. L’effetto complessivo combina Corinthian e Pointed. Queste colonne sono legate due volte con uno stampaggio molto ricco ed efficace, che combina un cavo, con una fila di fiori a sfera sopra di esso; in basso, un gallone profondamente tagliato, rivolto verso il basso. Questi alberi non hanno maiuscole; corrono in un filetto orizzontale, da cui spuntano nervature a volta pianeggianti, che scorrono dagli alberi come fanno i rami di palma dal tronco. La volta è buona sexpartite. Tra le due navate laterali sono pure archi a punta. Le risposte ai moli circolari, cioè le risposte sul muro tra le navate laterali, in cui cade la volta delle navate primarie, sono semiasse di ordinaria opera a punta, senza filetti, e di cinque teste frastagliate; anche i cappelli della volta a navata laterale sono rigati. Le risposte occidentali agli alberi circolari sono anche normali a punta. È chiaro, quindi, che l’architetto poteva fidarsi solo del suo sviluppo palmare negli alberi isolati. Questa è la vecchia opera: la chiesa rimase incompiuta nel XVI secolo.

Potrebbero interessarti anche...