National Maritime Museum di Greenwich

Il museo ha quattordici diverse gallerie da esplorare. Scopri cosa ha reso il più grande dipinto di J. M. W. Turner così controverso. Avvicinati alla divisa reale che l’ammiraglio Nelson indossava quando fu ferito a morte nella battaglia di Trafalgar.

Nella galleria Pacific Encounters, rifletti sulla complessa eredità dell’esplorazione europea e su come questo ha plasmato il Pacifico come lo conosciamo oggi. Scopri le vite di marinai ordinari e personaggi famosi, come Cristoforo Colombo, Elisabetta I e Francis Drake nella galleria Tudor e Stuart Seafarers.

Osserva l’esploratore più esperto che viene spinto agli estremi della resistenza umana attraverso le storie di eroici esploratori nella galleria di Polar Worlds.

Porta i bambini in un’avventura piena di azione: gioca con AHOY gratis! galleria per under 7 o All Hands per bambini dai 6 ai 12 anni.

Il National Maritime Museum fa parte dei Royal Museums Greenwich che comprende il Royal Observatory, Cutty Sark e la Queen’s House.

Storia del Museo

Il museo è stato istituito ufficialmente nel 1934 all’interno dei 200 acri (0,81 km2) del Greenwich Royal Park negli edifici precedentemente occupati dalla Royal Hospital School, prima di trasferirsi a Holbrook nel Suffolk. Include la Queen’s House, un antico edificio classico progettato da Inigo Jones, che è la chiave di volta dello storico paesaggio “parco e palazzo” del marittimo Greenwich. Include anche il Royal Observatory, Greenwich, che era un’istituzione scientifica attiva fino agli anni ’50, quando fu trasferito al castello di Herstmonceux nell’East Sussex.

I giardini immediatamente a nord del museo furono ripristinati alla fine del 1870 a seguito della costruzione del tunnel di taglio tra le stazioni di Greenwich e Maze Hill. Il tunnel comprendeva parte della sezione finale della ferrovia di Londra e Greenwich e fu inaugurato nel 1878.

Flamsteed House (1675-1676), la parte originale del Royal Observatory, fu progettata da Sir Christopher Wren e Robert Hooke e fu la prima istituzione scientifica appositamente costruita in Gran Bretagna.

Tutti gli edifici del museo sono stati successivamente aggiornati. Una completa riqualificazione delle principali gallerie, incentrata su quella che oggi è la Corte di Nettuno, progettata da Rick Mather Architects e finanziata dall’Heritage Lottery Fund, è stata completata nel 1999.

Nel maggio 2007 un importante progetto di capitale, “Time and Space”, ha aperto l’intero sito dell’Osservatorio Reale a beneficio dei visitatori. La trasformazione da £ 16 milioni comprende tre nuove gallerie moderne di astronomia, quattro nuove gallerie temporali, strutture per la conservazione e la ricerca delle collezioni, un centro di apprendimento e il Planetario Peter Harrison da 120 posti (dal nome del maggiore donatore, Peter Harrison) progettato per presentare il mondo oltre il cielo notturno.

Nel 2008, il museo ha annunciato che il magnate israeliano Sammy Ofer aveva donato 20 milioni di sterline per una nuova galleria.

Per un anno tra il 2016 e il 2017 il National Maritime Museum ha registrato 2,41 milioni di visitatori.

La collezione

Sin dai primi tempi Greenwich ha avuto associazioni con il mare e la navigazione. Fu un approdo per i romani, Enrico VIII abitava qui, la marina ha radici sul lungomare e Carlo II fondò l’Osservatorio Reale nel 1675 per “trovare la longitudine dei luoghi”. Sede del Greenwich Mean Time e del Primo Meridiano dal 1884, Greenwich è stata a lungo un centro per lo studio astronomico, mentre i navigatori di tutto il mondo hanno impostato l’orologio in base all’ora del giorno. Il Museo ha le partecipazioni più importanti al mondo sulla storia della Gran Bretagna in mare che comprende oltre due milioni di oggetti, tra cui arte marittima (sia britannica che olandese del 17 ° secolo), cartografia, manoscritti tra cui registri pubblici ufficiali, modelli e piani di navi, strumenti scientifici e di navigazione, strumenti per il cronometraggio e l’astronomia (basati presso l’Osservatorio). Le sue partecipazioni includono dipinti relativi al Vice Ammiraglio Horatio Nelson e al Capitano James Cook.

Un programma di prestiti attivi garantisce che gli oggetti della collezione siano visti nel Regno Unito e all’estero.

Il museo mira a raggiungere una maggiore comprensione della storia economica, culturale, sociale, politica e marittima britannica e delle sue conseguenze nel mondo di oggi. Il museo ospita diverse mostre, tra cui Ships Clocks & Stars nel 2014, Samuel Pepys: Plague, Fire, Revolution nel 2015 e Emma Hamilton: Seduction and Celebrity nel 2016.

La collezione del Museo marittimo nazionale comprende anche oggetti presi dall’Accademia navale tedesca Mürwik dopo la seconda guerra mondiale, tra cui diversi modelli di navi, dipinti e bandiere. Il museo è stato criticato per il possesso di ciò che è stato descritto come “arte saccheggiata”. Il museo considera questi oggetti culturali come “trofei di guerra”, rimossi secondo le disposizioni della Conferenza di Potsdam.

Il museo assegna la medaglia di Caird ogni anno in onore del suo principale donatore, Sir James Caird.

Alla fine di agosto 2018, diversi gruppi si contendevano il diritto di acquistare le 5.500 reliquie Titanic di RMS che erano un bene delle bancarelle Premier Exhibitions. Alla fine, il National Maritime Museum, il Titanic Belfast e la Titanic Foundation Limited, così come i National Museums Northern Ireland, si sono uniti come un consorzio che stava raccogliendo fondi per acquistare i 5.500 manufatti. Il gruppo intendeva tenere insieme tutti gli oggetti come un’unica mostra. L’oceanografo Robert Ballard dichiarò di aver favorito questa offerta poiché avrebbe assicurato che i cimeli sarebbero stati esposti in modo permanente a Belfast (dove fu costruito il Titanic) ea Greenwich. I musei hanno criticato la procedura di offerta stabilita dal Tribunale fallimentare di Jacksonville, in Florida. L’offerta minima per l’asta dell’11 ottobre 2018 era fissata a US $ 21,5 milioni (£ 16,5 milioni) e il consorzio non disponeva di finanziamenti sufficienti per raggiungere tale importo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *