Ponte delle catene (Széchenyi Lánchíd)

Il ponte delle catene di Széchenyi (ungherese: Széchenyi lánchíd) è un ponte che attraversa il fiume Danubio tra Buda e Pest, la parte occidentale e orientale di Budapest. Progettato dall’ingegnere inglese William Tierney Clark e costruito dall’ingegnere scozzese Adam Clark, fu il primo ponte permanente sul Danubio in Ungheria.

 Fu inaugurato nel 1849. È ancorato sul lato del fiume Pest a Széchenyi Square, adiacente al Palazzo Gresham e all’Accademia delle Scienze ungherese, e sul lato Buda a Adam Clark Square, vicino al chilometro zero Pietra e l’estremità inferiore della funicolare Castle Hill, che porta al Castello di Buda.

Il ponte ha il nome di István Széchenyi, un grande sostenitore della sua costruzione, ad esso collegato, ma è più comunemente noto come “Ponte delle catene”. All’epoca della sua costruzione, era considerata una delle meraviglie ingegneristiche del mondo moderno. Ha affermato un enorme significato nella vita economica, sociale e culturale del Paese, proprio come il Ponte di Brooklyn ha a New York e negli Stati Uniti. Le sue decorazioni in ghisa e la sua costruzione, che irradia calma dignità ed equilibrio, hanno elevato il Ponte delle Catene ad un’alta statura in Europa.

È diventato un simbolo di progresso, risveglio nazionale e collegamento tra Oriente e Occidente

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 8 Ottobre, 2019

    […] monumenti medievali, barocchi e neoclassici. La collina è collegata alla piazza Clark Ádám e al ponte delle catene di Széchenyi dalla funicolare Castle Hill. Il castello fa parte del sito del patrimonio mondiale di Budapest, […]

  2. 8 Ottobre, 2019

    […] Il palazzo Gresham (Gresham-palota) è un edificio a Budapest, in Ungheria; è un esempio di architettura liberty. Completato nel 1906 come edificio per uffici e appartamenti, oggi è il Four Seasons Hotel Budapest Gresham Palace, un hotel di lusso gestito da Four Seasons Hotels. Si trova lungo il fiume Danubio, adiacente a piazza Széchenyi e al capolinea orientale del ponte delle catene di Széchenyi. […]