Trasferirsi a Barcellona

Trasferirsi a Barcellona

Stai sognando di trasferirti a Barcellona? Bene, non sei solo! Molti espatriati optano per un trasloco a Barcellona, ​​e non solo per la vicinanza della città al mare. Leggi la nostra guida su Barcellona e scopri tutto sulla città, i requisiti per i visti e il trasporto locale.

Trasferirsi a Barcellona

Barcellona è probabilmente la città più cosmopolita ed emozionante della Spagna. I bar, i ristoranti e i musei, così come il mare occupato, sono sicuramente una ragione per trasferirsi a Barcellona. Tuttavia, la città impressiona anche gli espatriati con la sua storia e tradizione, un aspetto di cui i locali sono particolarmente orgogliosi.

Posizione e paesaggio

Barcellona, ​​la capitale della Catalogna, si trova nel nord-est della penisola iberica. Con circa 1,6 milioni di abitanti, Barcellona è anche la seconda città più grande della Spagna, subito dopo Madrid. È considerato il più grande centro urbano d’Europa sul Mar Mediterraneo, avvolto dai fiumi Llobregat e Besòs.

Scoprirai diverse colline intorno a Barcellona che prestano il loro nome ai quartieri che si sono sviluppati su di loro. Montjuïc, ad esempio, offre una splendida vista sul porto ed è sede di numerosi luoghi culturali, tra cui una fortezza. Gli espatriati che si trasferiscono a Barcellona beneficiano della sua vicinanza al Mar Mediterraneo, dove l’acqua è calda e il clima è mite quasi tutto l’anno. Dall’altra parte della città, a ovest, troverai la cresta della Sierra de Collserola con vasti boschi, prati e campi.

Politica e lingua catalane

Barcellona è la capitale della Catalogna e, a causa dell’autonomia politica della Catalogna in Spagna, ha uno status particolarmente importante all’interno della regione. La Catalogna è governata dalla Generalitat, che ha sede a Barcellona. La prima versione di questo governo autonomo risale al Medioevo quando era al potere il Diputació General de Catalunya. A causa dello statuto catalano dell’autonomia, il governo della città di Barcellona gode di una grande autorità decisionale.

Il castigliano, la lingua ufficiale della Spagna, non è l’unica lingua parlata a Barcellona: il catalano è la seconda lingua ufficiale ed è ampiamente usato nella città e nel resto della Catalogna. I catalani non sono obbligati a ripiegare sullo spagnolo, anche per scopi ufficiali. Per gli espatriati che si trasferiscono a Barcellona, ​​ciò pone una barriera linguistica completamente nuova che non può essere facilmente superata.

Ottenere il numero di identità a Barcellona

I residenti stranieri provenienti da Stati membri dell’UE e cittadini di paesi terzi sono soggetti a requisiti e restrizioni diversi. I cittadini UE / SEE hanno semplicemente bisogno di un passaporto o un documento d’identità validi per entrare nel paese. Per un soggiorno superiore a tre mesi, è richiesto un NIE (Número de Indentificación de Extranjeros), un numero di identificazione per gli stranieri, per ogni cittadino straniero in Spagna. Avrai bisogno di questo numero per affittare o acquistare proprietà, aprire un conto bancario o semplicemente lavorare a Barcellona.

Ci sono molti dipartimenti di stranieri (Extranjería) a Barcellona che gestiscono tutte le questioni burocratiche degli stranieri che si trasferiscono a Barcellona. Per richiedere un NIE, è necessario presentare i seguenti documenti presso il rispettivo ufficio:

  • il modulo di domanda originale e una sua copia
  • il passaporto e una copia della pagina delle informazioni
  • per i residenti extra UE, documenti che indicano il motivo per cui hanno bisogno di un NIE (ad es. acquisto di una casa, scopi commerciali)
  • una commissione di 10 EUR (2014) pagata tramite vaglia postale

Trasporti a Barcellona

Taxi: chiamate, app o ordini online

I taxi sono disponibili in tutta Barcellona e possono essere fermati in strada, prenotati per telefono o è possibile utilizzare un’app come Hailo o MyTaxi. Tieni presente che chiamare un taxi richiederà un supplemento. Inoltre, dovresti essere pronto a pagare un extra per i bagagli di grandi dimensioni, così come i viaggi in aeroporto. Se hai bisogno di un taxi tra le 21:00 e le 07:00, la tariffa è più alta. La tariffa base è di 2,10 EUR, con un ulteriore 1,07 EUR per ogni chilometro.

Ci sono molte compagnie di taxi che offrono i loro servizi in tutta Barcellona. Fono Taxi e Taxi Amic si rivolgono in particolare alle persone con disabilità. Il servizio di taxi Radio Catalunyataxi e T033 ti consente persino di prenotare il tuo servizio di taxi online. Molte aziende ti consentono di pagare con carta di credito. Questo non è sempre il caso, tuttavia, e non dovresti assolutamente dipenderne.

Trasporto pubblico: strada e ferrovia

Gli autobus sono un importante mezzo di trasporto sia a Barcellona che in gran parte dei Pirenei e lungo la Costa Brava, poiché i servizi ferroviari sono incredibilmente limitati lì. A Barcellona, ​​gli autobus passano ogni pochi minuti circa e vengono sostituiti da una rete Nitbus (autobus notturno) che inizia tra le 22:40 e le 23:40 e termina ad un certo punto tra le 05:00 e le 06:00. La rete di autobus di Barcellona è gestita da Transports Metropolitans de Barcelona. I sobborghi della città sono collegati alla città tramite sei linee di tram, gestite da Tram.

Barcellona ha anche un sistema metropolitano completo con undici linee sparse in tutta la città. Le diverse linee sono contraddistinte da un codice colore che consente di trovare facilmente la giusta connessione. La rete ferroviaria collega anche Barcellona ad altre grandi città spagnole come Valencia o Madrid, ma viaggiare in treno ha senso anche se stai cercando di raggiungere città più piccole fuori Barcellona.

Moto, barche e Barcellona


Per i tipi di atletica, Barcellona è il posto giusto per valutare quanto sia facile esplorare la città in bicicletta. La vasta rete di piste ciclabili viene costantemente ampliata. Inoltre, il governo della città di Barcellona ha avviato il “Bicing Service” nel 2007, un sistema di biciclette pubbliche per residenti che consente loro di utilizzare le biciclette rosse e bianche nelle stazioni in tutta la città per una tariffa mensile. I ciclisti, purtroppo, non sono autorizzati a viaggiare su corsie per autobus e sentieri. Quindi, quando non ci sono piste ciclabili per te, fai attenzione quando navighi nel traffico affollato di Barcellona.

Se stai cercando una fuga veloce, puoi anche viaggiare in barca o in traghetto. Acciona Trasmediterránea, tra gli altri, offre collegamenti frequenti da e per le Isole Baleari. Puoi scegliere tra traghetti standard e catamarani ad alta velocità. Questi ultimi sono molto più costosi. Altre compagnie offrono anche collegamenti con l’Italia e il Marocco. Ha senso guardarsi intorno, tuttavia, poiché un biglietto aereo potrebbe finire per essere molto più economico.

Sia che si trasferisca all’estero per la prima volta o che si sia trasferito più volte in precedenza, il processo solleva molte domande. La nostra guida completa alla ricollocazione faciliterà i tuoi dubbi lungo la strada, dai preparativi iniziali a come negoziare un pacchetto di ricollocazione, ti aiutiamo a GO! preparato con le risposte chiave.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento