Guida per trasferirsi, vivere e lavorare in Spagna

Guida per trasferirsi, vivere e lavorare in Spagna

La Spagna offre un clima più soleggiato in cui il ritmo della vita è rilassato ed equilibrato, quindi non sorprende che molti Italiani si stiano trasferendo in questa parte del mondo. Leggi la nostra guida per ulteriori informazioni se stai pensando di trasferirti in Spagna.

Il clima spagnolo

Essendo un paese così grande, il clima della Spagna varia da regione a regione. Nel nord ha un clima temperato, con inverni miti ed estati calde. Al sud, però, può davvero fare molto caldo. La Spagna centrale, lontana dagli effetti modificanti dell’oceano, tende a sperimentare estremi di caldo e freddo.

Non dimenticare, puoi sciare nei Pirenei, nella Sierra Nevada e persino nella zona intorno a Madrid.

Il costo della vita in Spagna

Uno dei tanti vantaggi di trasferirsi in Spagna è il costo della vita. Se vuoi mangiare e vivere come un locale, i tuoi soldi possono andare molto più in là di quanto non faccia qui. La proprietà ha anche un prezzo ragionevole in confronto, sebbene l’abitazione sia più costosa nelle città centrali e nelle aree turistiche popolari.

I costi delle utenze possono essere elevati, soprattutto se è richiesto gas in bombole per la tua proprietà, mentre il cibo ha un prezzo abbastanza ragionevole se acquistato al di fuori delle aree turistiche e commerciali.

Lavoro e reddito

Trovare un lavoro in Spagna richiede ricerca e avviare un’attività in proprio richiede una quantità ancora maggiore di pensiero e pianificazione. È preferibile allineare le cose prima di andare. Se non lo fai, assicurati di avere soldi per vivere in Spagna per almeno sei mesi mentre trovi un lavoro e stabilisci te stesso. Come cittadino dell’UE, non avrai bisogno di un permesso di lavoro per trovare un lavoro, ma dovrai ottenere un numero di previdenza sociale per poter lavorare in Spagna – questi possono essere acquisiti dalla tua Oficina de Seguridad Social locale.

Se ti stai trasferendo in Spagna e hai intenzione di vivere con la tua pensione italiana, Per ulteriori informazioni sui documenti necessari dai un’occhiata al nostro articolo guarda questo articolo.

Vale anche la pena esaminare le tasse che devono essere pagate in Spagna e prendere in considerazione l’organizzazione anticipata dei conti.

Impara lo spagnolo

Se il tuo spagnolo non è buono, sarebbe utile iscriversi a un corso prima di trasferirti in Spagna. Ovviamente ci sono persone che vivono felicemente all’estero senza parlare la lingua, ma anche se ti trasferirai in una zona con molti espatriati italiani, come Las Palmas, lo troverai utile se hai imparato lo spagnolo prima di arrivare, soprattutto se hai intenzione di trovare un lavoro. Oltre a facilitare la ricerca di lavoro e fare nuove amicizie tra la gente del posto, sarai in grado di gestire in modo più efficiente tutta la burocrazia necessaria e di permetterti di viaggiare in zone meno turistiche.

Assistenza sanitaria in Spagna

La Spagna ha un servizio sanitario nazionale che fornisce assistenza sanitaria gratuita (o a basso costo) a cui hanno diritto tutti i residenti dell’UE. Se sei registrato per lavorare in Spagna e versare contributi assicurativi nazionali, avrai diritto all’assistenza sanitaria statale sulla stessa base di un cittadino spagnolo. Se sei un visitatore temporaneo in Spagna, dovrai prendere una carta EHIC (richiedi qui: https://www.ehic.org.uk/Internet/home.do). Fare attenzione a non utilizzare un sito Web che addebita questo servizio; la carta EHIC è gratuita per i cittadini italiani.

Se desideri assistenza sanitaria privata, controlla i termini della tua attuale assicurazione sanitaria in Italia, che probabilmente ti coprirà solo per un breve periodo lontano da casa.

Puoi trovare molte informazioni approfondite sull’assistenza sanitaria visitando il Piano sanitario in Spagna. Sono una compagnia di assicurazione sanitaria per espatriati e hanno guide che coprono tutto ciò che dovresti sapere prima e dopo il tuo trasferimento in Spagna.

Numeri NIE spagnoli

Anche se non hai bisogno di un visto per entrare in Spagna, dovrai ottenere un numero NIE al tuo arrivo. Una NIE è un numero di identificazione fiscale rilasciato dalla polizia nazionale spagnola. È un requisito legale in Spagna per chiunque lavori, desideri aprire un conto bancario o acquistare / vendere un immobile o un’auto. In effetti, viene generalmente utilizzato come mezzo di identificazione (anche se non ha un ID foto).

Per ottenere il tuo numero, devi andare al Comisaria General de Extranjeria. Sfortunatamente, non si trovano in tutte le città ma il sito web della Policia Nacional ha gli indirizzi; anche se non leggi lo spagnolo non è difficile da usare. Fai clic sulla provincia in cui vivi e gli indirizzi del Comisaria General de Extranjeria verranno a trovarti per trovare l’ufficio più vicino.

A seconda della regione in cui ci si sposta, potrebbe essere necessario prenotare un appuntamento in anticipo per richiedere il proprio numero NIE.

Per ottenere il tuo numero NIE quando ti trasferisci in Spagna, porta con te questi documenti:

  • Il passaporto e una copia
  • Foto del passaporto
  • Un modulo EX-15 completo; puoi trovare questa applicazione online
  • Un documento giustificativo che spiega perché è necessario un NIE

Una volta emesso, il numero è tuo per sempre. A rigor di termini questi devono essere richiesti di persona, ma è possibile applicare tramite il consolato spagnolo locale prima di partire. Ci sono anche aziende che offrono di fungere da rappresentante per organizzarlo prima del tuo arrivo in Spagna.

Acquistare una proprietà

Per evitare incomprensioni, è importante che il tuo consulente abbia un’ottima padronanza dello spagnolo e dell’italiano. Seleziona un avvocato specializzato in trasporti specializzato in diritto fondiario spagnolo, in quanto il sistema è molto diverso dal nostro. Ad esempio, quando acquisti un immobile, dovrai creare una volontà per coprire la cessione di beni spagnoli in caso di decesso. Potresti anche essere ritenuto responsabile per eventuali debiti associati al precedente proprietario.

Documentazione di spedizione

Per spedire le tue cose in Spagna, avrai bisogno della seguente documentazione:

  • Passaporto
  • NIE
  • Certificato di residenza
  • Lettera del tuo datore di lavoro che conferma che hai un lavoro (se non stai andando in pensione)
  • Domanda di importazione esente da dazio
  • La tua casa di proprietà per la tua casa spagnola o un contratto di affitto
  • Un inventario completo delle merci in spagnolo

Per le definizioni dei termini mobili internazionali che incontrerai durante questa esperienza, dai un’occhiata al nostro Glossario mobile.

Si consiglia di discutere la documentazione doganale e le normative necessarie per il trasferimento in Spagna con la società di traslochi, in quanto possono guidare l’utente attraverso il processo.

Articoli proibiti e soggetti a restrizioni

Prima di selezionare quali merci porterai con te nella tua nuova casa all’estero, è importante che ti rendi conto degli articoli soggetti a restrizioni quando entri nelle coste spagnole.

Gli articoli soggetti a restrizioni includono:

  • Le opere d’arte o gli oggetti d’antiquariato che saranno venduti come parte di una collezione saranno soggetti a dazi doganali. Se hanno più di 100 anni e vengono spediti come oggetti personali, sono gratuiti.
  • Ogni nuovo mobile che costa oltre 3.000 euro è esente da dazi
  • Le pistole sportive richiedono la licenza e l’autorizzazione appropriate dalla Spagna.
  • Eredità: il certificato di morte, la lettera che conferma il diritto all’eredità e il certificato del Regno Unito e della Spagna che confermano l’esenzione dall’imposta di successione.
  • Alcol e tabacco oltre il tuo personale limitato dovranno sostenere.
  • Le piante devono avere un certificato fitosanitario.

Ci possono anche essere tasse e divieti sui prodotti che potresti voler trasportare in Spagna. La tua ditta di traslochi all’estero avrà l’esperienza e le conoscenze per consigliarti completamente su ciò che può e non può essere preso quando ti trasferisci in Spagna.

Apertura di un conto bancario in Spagna

Se vuoi aprire un account prima di vivere in Spagna, sarà un account non residente e per questo avrai bisogno di un Certificato No Residente. La procedura per ottenerne uno è uguale all’ottenimento del certificato NIE: è necessario compilare EX15, pagare l’importo dovuto in banca e quindi ottenere il modulo.

Una volta che hai il certificato puoi andare in banca con i seguenti documenti:

  • Il certificato EX15
  • Il tuo passaporto
  • Il tuo numero NIE
  • Un indirizzo in cui è possibile inoltrare qualsiasi documento

Se intendi diventare residente, devi prima ottenere un certificato di residenza. Quando questo è in tuo possesso, puoi dare alla banca una copia del certificato e una bolletta a tuo nome, quindi cambieranno l’account con quello del residente.

Importare un’auto in Spagna

Se risiedi in Spagna, non puoi guidare un’auto straniera. Al tuo arrivo, tuttavia, puoi guidarne uno per sei mesi, fino a quando non sei stato nel Paese per 183 giorni ininterrottamente (quindi sei considerato un residente fiscale spagnolo e sarà illegale guidare quel veicolo).

Una volta diventato residente hai fino a 30 giorni per registrare il tuo veicolo. Per questo, è necessario sottoporlo a un test spagnolo (ITV) che costa circa 120 euro. Potrebbe anche essere necessario acquistare un nuovo set di fari in quanto è necessario disporre di fendinebbia nella parte posteriore, su entrambi i lati.

Una volta superato il tuo ITV, dovrai quindi ottenere targhe spagnole e pagare la tua tassa di importazione basata sulle emissioni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento