Vivere a Barcellona

Una guida completa per vivere bene a Barcellona

Vivere a Barcellona

Vivere a Barcellona è incredibilmente popolare, in particolare tra gli espatriati più giovani. Ciò è dovuto principalmente al clima mite, alla ricca cultura e all’eccezionale architettura che domina la vita di Barcellona. Leggi la nostra guida di Barcellona e scopri quartieri, alloggi, assistenza sanitaria e altro ancora.

La vita a Barcellona

Vivere a Barcellona è un’opzione sempre più popolare per gli espatriati. Un’alta qualità della vita, un’architettura eccezionale, alcune delle quali sono state progettate da Antoni Gaudí, e la vita frenetica sono tra i fattori che rendono la vita a Barcellona un’esperienza così speciale. Vivere nella capitale della Catalogna significa anche sperimentare in prima persona l’orgoglio dei locali nella loro lingua e storia.

Scegli un Barrio adatto alle tue esigenze


Gli espatriati che hanno intenzione di vivere a Barcellona possono scegliere tra uno dei dieci distretti della città in cui stabilirsi. Un consigliere locale è responsabile della gestione dei distretti che hanno voce in capitolo quando si tratta di prendere decisioni sulle infrastrutture della città, per esempio. Alcuni distretti erano comuni indipendenti prima di essere integrati a Barcellona tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. I dieci quartieri della città di Barcellona sono:

  • Ciutat Vella
  • Eixample
  • Sants-Montjuïc
  • Les Corts
  • Sarrià-Sant Gervasi
  • Gràcia
  • Horta-Guinardó
  • Nou Barris
  • Sant Andreu
  • Sant Martí

Eixample

Stai pensando di vivere nel quartiere più alla moda e raffinato di Barcellona? Quindi Eixample è il posto dove andare. Le strade e i viali alberati vantano una vasta selezione di ristoranti, negozi e bar di alta classe. La Plaça Catalunya separa l’Eixample più ricco dal Barrí Gòtic nel distretto di Ciutat Vella. Gli espatriati che vivono nell’Eixample possono scegliere tra due aree principali: Esquerra e Dreta (sinistra e destra). La prima è la zona più residenziale delle due e offre entrambi i parchi e una buona vita notturna, mentre la seconda è molto ben collegata ai trasporti pubblici e offre grandi opportunità di shopping.

La Golden Square (Quadrat d’Or) è il luogo più popolare tra i turisti. Ciò non dovrebbe sorprendere, in quanto gli edifici più famosi progettati da Antoni Gaudí si trovano in questa zona. In realtà, Quadrat d’Or è spesso percepito come uno scrigno di architettura modernista.

Il quartiere gotico

Se vivere nel centro storico è più in voga, perché non ti stabilisci nel Barri Gòtic? Questo quartiere costituisce la parte più antica della città di Barcellona. È famoso per i suoi vicoli stretti e le strade acciottolate. La zona intorno a La Seu (Cattedrale di Barcellona) è particolarmente impressionante. Le strade circostanti furono costruite intorno al 10 a.C., fornendo il suo stile storico. Vari edifici storici, ponti e musei completano il quadro. Gli espatriati che sono curiosi del passato storico della città dovrebbero sentirsi a casa vivendo nel quartiere gotico di Barcellona.

Ciutat Vella: El Born e Barceloneta

Gli espatriati che vivono a El Born si sono stabiliti tra stilisti e artisti emergenti. La zona non vanta altro che innovazione. Il quartiere è separato dal Barri Gòtic solo dalla Via Laietana, una lunga strada che parte dall’Eixample fino al mare. Se stai cercando una delle zone più alla moda in questo quartiere, devi recarti al Passeig del Born, che era la piazza principale di Barcellona.

Il bellissimo quartiere del quartiere sul lungomare di Barceloneta è stato riportato in vita nel 1992 per le Olimpiadi. Oggi la Platja Barceloneta è famosa per le sue palme e l’adiacente Parc de la Ciutadella. La vita nel quartiere balneare di Barcellona, ​​Barceloneta, è concentrata attorno ai suoi due porti. Port Olimpic è noto per i suoi ristoranti e bar, per il bellissimo porto turistico e la vita notturna. Port Vell, d’altra parte, è il vecchio porto della città e il luogo dove attraccano lussuosi yacht e barche a vela.

Alloggio e assistenza sanitaria a Barcellona

La ricerca di alloggi a Barcellona

Gli espatriati che pensano di vivere a Barcellona o in un’altra città della Spagna dovrebbero assicurarsi di assicurarsi un alloggio prima del trasloco. Gli affitti a breve termine sono spesso piuttosto difficili da trovare, soprattutto considerando che Barcellona non è solo popolare tra gli espatriati ma anche tra i molti studenti Erasmus che si trasferiscono in città ogni anno per studiare.

Hai la possibilità di affittare direttamente tramite un proprietario privato. I proprietari privati ​​(particolari) di solito si astengono dall’utilizzare un agente immobiliare per affittare la loro proprietà. In questo modo, è possibile risparmiare le spese di agenzia e la seccatura burocratica. Tuttavia, i negoziati possono rivelarsi abbastanza snervanti, in particolare per gli espatriati che non parlano ancora spagnolo o catalano.

Un altro fattore che lavora contro l’affitto attraverso un particolare è che la maggior parte del mercato immobiliare a Barcellona è controllata da agenzie immobiliari. Questo potrebbe funzionare a tuo favore in quanto puoi fare riferimento a diverse agenzie e far loro cercare un posto adatto alle tue esigenze. D’altra parte, ovviamente, dovresti essere pronto a pagare la commissione di agenzia che di solito equivale al canone di un mese più le tasse.

Come sarà la tua casa?


In una città come Barcellona, ​​dove molte persone sono ansiose di trovare un posto dove vivere, gli appartamenti sono il tipo di sistemazione preferito. Se non ti dispiace vivere fuori città, tuttavia, anche case e persino piccoli chalet sono un’opzione praticabile. Gli appartamenti sono in affitto (alquiler) o disponibili per l’acquisto (ventas). La maggior parte degli appartamenti viene affittata non ammobiliata (sin amueblar), anche se in rari casi potresti trovare un appartamento ammobiliato (amueblado).

Sono disponibili diversi tipi di alloggio:

  • Gli estudios sono piccoli appartamenti monolocali ideali per i single.
  • Gli appartamenti sono generalmente dotati di una o due camere da letto, cucina, bagno e soggiorno.
  • Pisos, d’altra parte, occupa l’intero piano, con due o tre camere da letto, e sono spesso la prima scelta delle famiglie di espatriati.

Sanità a Barcellona

Il sistema sanitario pubblico spagnolo ha un’ottima reputazione, con cure di alta qualità prontamente disponibili. Ogni residente legale (empadronat) ha diritto a ricevere assistenza sanitaria pubblica durante il suo soggiorno a Barcellona. Basta presentare la Targeta Sanitària Individual (tessera sanitaria individuale – STI) quando si visita un medico o un ospedale. Per poter beneficiare di una STI, è necessario disporre di un numero di previdenza sociale o rientrare in un accordo di previdenza sociale tra la Spagna e il proprio paese di origine. Iscriviti all’Instituto Nacional de la Seguridad Social (INSS) prima di recarti al tuo centro di assistenza sanitaria di base (centre d’atenció primària – CAP) per consegnare i documenti necessari e ottenere la tua carta.

Assistenza pubblica e privata: alla ricerca di qualità e affidabilità

Non appena avrai assicurato la tua STI, dovresti ricevere i dettagli sul tuo medico di famiglia (metge de capçalera) presso la tua PAC locale. Il medico dovrebbe essere la prima persona a contattare per eventuali domande o problemi relativi alla salute. Se necessario, può rivolgersi a uno specialista. Gli appuntamenti possono essere presi di persona o online.

Per cure mediche al di fuori dei soliti orari di apertura da dicembre a marzo, gli espatriati possono visitare un centro di attenzione continua (Centre d’Atenció Continua – CAC) – una PAC regolare ma con orari diversi. Questi centri sono aperti il ​​sabato e nei giorni festivi. Tuttavia, non tutti i CAC sono aperti contemporaneamente e devi consultare la CAP per sapere quale CAC è responsabile della tua area. In caso di emergenza, è meglio chiamare il numero di emergenza europeo 112. È anche possibile comporre numeri specifici per la Spagna.

Istruzione e architettura a Barcellona

Un’istruzione spagnola: pubblica, privata o un mix dei due?


Sebbene il sistema di istruzione pubblica spagnolo abbia una grande reputazione, gli standard accademici potrebbero variare tra città, quartieri e persino scuole. L’aspetto positivo è che l’istruzione è gratuita per tutti i bambini che sono residenti legali a Barcellona. Per i bambini di età compresa tra sei e sedici anni, la scuola è obbligatoria. Tuttavia, molti frequentano anche la scuola materna e la scuola materna dall’età di tre anni in poi.

Le scuole di Barcellona sono raggruppate in tre fasi, definite dall’età dei loro studenti: il colegio (scuola elementare), l’istituto (scuola secondaria) e il bacchillerato. Esistono tre diversi tipi di colegio, vale a dire público (pubblico), concertado (semi-privato) e privado (privato). Non è obbligatorio per i bambini partecipare al bacchillerato. Tuttavia, qui gli studenti ricevono una laurea che consente loro di proseguire l’istruzione superiore.

Scuole internazionali a Barcellona


Preferiresti un ambiente più globale per il tuo bambino in cui vengono presi in considerazione diversi background culturali? In questo caso, Barcellona è il posto perfetto per te e la tua famiglia. La città vanta una vasta selezione di scuole internazionali. Ricorda che l’istruzione internazionale ha un prezzo e che le tasse scolastiche di tua scelta dovrebbero essere prese in considerazione quando pianifichi il tuo budget.

La maggior parte delle scuole internazionali a Barcellona e dintorni sono scuole specifiche per paese, ad esempio per la comunità di espatriati americani, britannici, francesi o tedeschi. Un esempio per questo è la Benjamin Franklin International School, la Kensington School o l‘Instituto Italiano Statale. Tuttavia, l’offerta di scuole internazionali non finisce qui e dovresti vedere tu stesso quale scuola e quale stile di istruzione preferisci. Va notato che la maggior parte delle scuole internazionali a Barcellona offre parti del loro curriculum in spagnolo o catalano.

L’eredità di Gaud

L’architettura di Barcellona è significativamente caratterizzata dai disegni di Antoni Gaudí. Pochi altri artisti rappresentano il carattere del modernismo come Gaudí, e edifici e sculture del suo stile si trovano in tutta la città di Barcellona. La caratteristica del suo lavoro è l’adattamento di forme naturali, le sue sculture in metallo, oltre a mosaici ceramici colorati e colori vivaci.

Oltre al Parco Güell e alla Casa Batlló, la Sagrada Familia è l’esempio più famoso dei progetti architettonici di Gaud. Situata nel distretto di Eixample, la costruzione di questa chiesa iniziò nel 1882 ed è ancora in corso e dovrebbe essere terminata solo nel 2026. Tuttavia, Antoni Gaudí è responsabile della maggior parte dell’aspetto della Sagrada Familia e i suoi progetti sono i principali motivo per cui questa chiesa è diventata così popolare tra visitatori e gente del posto. La sua popolarità si riflette nel fatto che l’intera ricostruzione è finanziata solo da donazioni e quote di iscrizione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento