Vivere e lavorare in Francia

Vivere e lavorare in Francia p

Perché lavorare in Francia

La Francia è una delle destinazioni più popolari quando si tratta di partire per lavorare all’estero e offre una combinazione di economia forte, grande patrimonio e cultura simile a quella dell’Italia, che renderà l’integrazione molto più semplice.

C’è una grande differenza tra vivere a Parigi, una città affollata con prezzi di alloggio impossibili, o vivere in altre città francesi che offrono anche molte opportunità di lavoro e dove si può godere di una grande qualità della vita.

In Francia sai goderti i piccoli piaceri della vita, come prendere un caffè su una terrazza o fare un picnic in un parco in una giornata di sole.

Buone condizioni di lavoro

L’orario di lavoro è di 35 ore settimanali e lo stipendio interprofessionale minimo è di circa € 1.520 lordi al mese.

Le pratiche di formazione (stage) di durata superiore a un mese sono sempre remunerate.

Anche il salario minimo per gli stage è stabilito dalla legge, è di circa € 512. Il salario minimo per alcuni studenti, come gli informatici, è più alto poiché è regolato da convenzioni settoriali.

Altri fatti che rendono la Francia in buone condizioni di lavoro sono:

  • Rimborso del 50% del costo del pass per il trasporto pubblico da parte della tua azienda. Anche coloro che si recano al lavoro in bicicletta ricevono un rimborso.
  • Legge sulla disconnessione digitale, non è necessario rispondere al telefono o alle e-mail al di fuori dell’orario di lavoro o durante i giorni di riposo.

Informazioni pratiche

Per trovare un lavoro in Francia è molto importante avere una buona padronanza del francese (corso di francese); ovviamente questo ti aiuterà anche molto a integrarti e fare amicizia.

Nell’ambito dei programmi di aiuto e inserimento per i migranti appena arrivati, puoi frequentare lezioni di francese gratuite organizzate in associazioni di quartiere.

I francesi, e in particolare l’amministrazione francese, amano gli acronimi. Usano gli acronimi per molte cose e all’inizio è facile perdersi. Questi sono alcuni dei più comuni:

  • CAF (Caisse Allocations Familiales): è un aiuto per l’alloggio fornito dal governo
  • SMIC (Salaire Minimum Interprofessionnel de Croissance): salario minimo interprofessionale
  • RIB (Relevé d’Identité Bancaire): è un piccolo documento che include le coordinate bancarie, il nome del proprietario, il conto, IBAN e SWIFT.

Altri acronimi che ascolterai continuamente. Sono i tipi di contratto più comuni:

  • CDD (Contrat Durée Déterminée): contratto a tempo determinato
  • CDI (Contrat Durée Indèreminée): contratto a tempo indeterminato. Di solito viene offerto dopo aver completato uno o due CDD nella stessa azienda.

Carta Transferwise , per risparmiare le commissioni agli sportelli automatici

Fai attenzione con l’uso di una carta di debito / credito del tuo paese in Francia, possono addebitarti molte commissioni.

Qui, è meglio ottenere una carta Transferwise, te la inviano gratuitamente in Francia,Italia o in qualsiasi paese dell’Unione Europea e con essa hai molti altri vantaggi. Non ha costi di manutenzione o utilizzo minimo.

Dove cercare lavoro

Esistono diverse istituzioni pubbliche a cui rivolgersi:

  • Pôle Emploi, simile ai nostri uffici del servizio pubblico per l’impiego. Ci sono molti uffici in tutto il paese e spesso offrono lavori manuali poco qualificati.
  • L’APEC (Agence pour l’Emploi de Cadres), è come la Pôle Emploi ma per professionisti e dirigenti qualificati.

Su Internet puoi cercare molti portali di lavoro come Indeed. Consiglio anche di visitare LeBonCoin.fr, questo sito Web è ampiamente utilizzato in Francia. Lo stesso può essere usato per acquistare un tavolo come per trovare un lavoro.

Un’altra opzione per trovare lavoro in Francia sono le agenzie interinali. Troverai contratti temporanei, se il tuo livello di francese non è molto buono, le agenzie interinali possono essere i tuoi alleati.

Un’opzione meno nota quando pensiamo di andare a lavorare all’estero è studiare e lavorare allo stesso tempo. In Francia ci sono programmi di alternanza. Se stai pensando di completare la tua formazione con un master, questa opzione è molto interessante. I programmi di formazione in alternanza sono divisi in parte del tempo all’università e in un’altra parte del tempo di formazione pratica in azienda. Può essere il 50% delle volte, varia in base ai programmi di ciascun grado.

La compagnia per cui lavori, oltre a pagarti uno stipendio mensile, di solito sostiene il costo della tua formazione. La cosa più difficile può essere trovare un’azienda nel tuo campo che ti supporti in alternanza.

Contatti è anche una delle migliori opzioni per trovare un lavoro, come in qualsiasi altro paese. Di ‘a tutti i tuoi conoscenti che andrai in Francia a lavorare, in questo modo appare sempre un amico di un amico che è lì, qualcosa che è sempre utile.

Alloggio

Per trovare un alloggio in Francia, soprattutto nelle grandi città, dovrai avere pazienza.

È necessario preparare il fascicolo del locatario in cui includere una buona raccolta di documenti:

  • Copia del passaporto o DNI
  • Quittance de Loyer di diversi mesi, una sorta di ricevuta di aver pagato l’affitto per certificare che non hai pagato per l’alloggio.
  • Contratto di lavoro
  • Gli ultimi tre libri paga
  • RIB, se possibile da una banca francese

Maggiori informazioni su come preparare il fascicolo inquilino qui (in francese)

Spesso viene richiesta una garanzia e il grosso svantaggio per gli stranieri è che la garanzia deve essere francese.

Dove cercare un appartamento

Il più comune è optare per uno studio individuale o una colocation, il nome dato alla condivisione di un appartamento. Ah! e i tuoi coinquilini diventano i tuoi placers.

Oltre a questi e altri portali Internet, assicurati di controllare i gruppi di Facebook e le agenzie immobiliari.

Alloggio per giovani

Altre opzioni sono residenze professionali per studenti, università o giovani. Se soddisfi i requisiti richiesti (età, stato dello studente) sono una buona opzione al tuo arrivo. Le scartoffie non sono così complicate e ti aiuteranno a incontrare persone; che è necessario per richiedere il posto con largo anticipo.

CROUS: sono residenze universitarie pubbliche, ce ne sono molte in tutto il paese. Oltre agli alloggi che offrono ristorazione per gli studenti, mangiare nelle loro mense è molto economico.

Foyer des Jeunes Travailleurs: residenze per giovani aperte a studenti e giovani lavoratori.

Salute, come funziona?

In Francia il sistema di previdenza sociale è il pagamento. Inizialmente, l’assistenza sanitaria è pubblica e gratuita, ma tutte le aziende devono stipulare un’assicurazione privata (Mutuelle) per i propri lavoratori.

Una delle principali differenze tra i sistemi sanitari italiani e francesi è che in Francia non ci sono centri sanitari nei quartieri. Piuttosto, sono gabinetti medici privati, anche i medici di base!

Le Mutuelle coprono quasi tutte le spese mediche, ma per ricevere i rimborsi è necessario registrarsi presso la previdenza sociale francese. A volte le aziende ti danno una mano, ma è qualcosa che il lavoratore deve fare. Devi andare di persona al CPAM e portare il contratto di lavoro, il RIB, una prova dell’indirizzo e il certificato di nascita tradotto in francese *. Tutta una piccola odissea burocratica per ottenere la Carta Vitale, la tessera sanitaria.

All’inizio puoi gestirlo con la tessera sanitaria europea, ma dovresti tenere presente che quella europea ti copre da un importo di spesa.

  • Puoi richiedere gratuitamente il registro civile da Internet e ti porterà a casa, nel mio caso è stato abbastanza veloce, ma prima lo chiedi meglio è … non lo sarà!

Oltre a tutte queste informazioni pratiche, non puoi dimenticare che, sebbene abbastanza simile alla nostra, la cultura francese ha le sue peculiarità. Per prepararti, ti consiglio di leggere il mio articolo su 10 cose che non sapevi di lavorare in Francia, sicuramente ti sorprenderanno e ti eviteranno un momento ridicolo!

E finora tutti i miei consigli per vivere e lavorare in Francia, spero che ti abbiano aiutato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento